martedì 30 luglio 2013

Brevi Esercizi: Facciamoci un Alias!

Oggi riparte la rubrica "Brevi esercizi". Dato che è da molto che non ci scrivo, vi ricordo, in breve, in cosa consiste o il motivo per cui è nata. Sì, parlo di motivo perchè è stato tradito sin dai primi post. In questo spazio si doveva "parlare" di argomenti semplici afferenti a bash, awk, python, amministrazione di sistema linux, ma alla fine mi sono lasciato prendere un po' la mano ed è successo quasi l'irreparabile: script in awk, in bash, in python...ok, cerchiamo di ritornare allo scopo originario per cui la rubrica è nata: Cose semplici (semplici). Oggi parliamo di...Alias!

Cos'è un alias? L'alias, spesso, è la manna piovuta dal cielo, è una benedizione. In pratica, è la possibilità di rinominare un comando, una riga di comando, uno script con una semplice parolina.

Per un attimo, solo per un attimo, passo la parola a wikipedia: "Alias, nei sistemi operativi Unix e Unix-like, è un comando di shell che permette di definire altri comandi." Chiaro?

Facciamo un esempio. Pensate di dover aggiornare Lubit (vabbè, mi capite, vero?), in tal caso si danno da terminale i soliti comandi. Prima sudo apt-get update, poi sudo apt-get upgrade.

Bello sarebbe poter sostituire queste due righe di comando con la semplice parolina "aggiorna". Sarebbe una figata, vero? (Giuro, mai usata la parola figata in vita mia)

Bene, "si po' fa'!"

Basta definire un alias, che nel nostra caso sarebbe:

alias aggiorna="sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade -y"

Perchè l'alias definito funzioni, è necessario eseguirlo nel terminale.

Una volta lanciato l'alias, basta digitare la parola "aggiorna" (senza doppi apici), per eseguire la riga di comando corrispondente, cioè aggiornare.

Qual è l'inconveniente di un alias così definito? Che se chiudo il terminale e lo riapro, l'alias non funziona più, scompare.

Per ovviare, bisogna salvare l'alias creato. E dove? In genere viene indicato il file .bashrc. Vabbè, io non sono molto d'accordo, il .bashrc è già incasinato di suo.
Se poi leggete attentamente il suo contenuto, troverete dentro una bella sorpresa. Vabbè, ve la svelo subito, immediatamente. All'interno di .bashrc si trova qualcosa del genere:

if [ -f ~/.bash_aliases ]; then
    . ~/.bash_aliases
fi


Sapete che vuol dire? Vuol dire che il nostro .bashrc controlla se esiste il file .bash_aliases. Se esiste, lo abilita, lo riconosce.

Perciò, il mio consiglio, solo per una questione di ordine, è di creare il file .bash_aliases, in modo da poter scrivere dentro tutti gli alias che volete. È inutile dirvi che il file va creato nella vostra home. Vabbè, non ve lo dico.

$ touch ~/.bash_aliases

Oltre all'alias "aggiorna" possiamo crearne altri, ad esempio, per riavviare, spegnere o sloggarsi.

#per spegnere: spegni
alias spegni="sudo shutdown -h now"

#Per riavviare: riavvia
alias riavvia="sudo shutdown -r now"

#per il logout (nel caso di lubit): logout
alias logout="openbox --exit"

Alla prossima!

Ah, vi ricordo che l'indice della rubrica "Brevi Esercizi" lo potete trovare qui.

Per finire, quasi in esclusiva, l'ho già postata su facebook e twitter, ecco come si presenterà Lubit 2.0.5. Forse.


Ciao!

12 commenti:

  1. Post estremamente chiaro ed elegante. Lineare ed essenziale come Lubit. E se riprendessimo l'idea dell'ebook?

    RispondiElimina
  2. E se volessi togliere l'alias? Basta un semplice comando:

    [ unalias nome_alias ]

    esempio:

    ~$ unalias riavvia

    RispondiElimina
  3. OK! Adesso (se non l'hai già fatto, la mia RAM non è più quella di una volta) ci starebbe bene l'esposizione dei link (sono 2 fratelli), cugini di alias. E quando preferire alias e quando il link (sì quello più giovane è quasi sempre lui).
    Poi andando nel difficile: qual è il plurale di alias; e come si pronuncia (questa è davvero difficilissimissima).
    Ancora più difficile e OT: per quelli che usano Windoze diciamo di svegliarsi o suggeriamo alternative?
    Saluto tutti prima di essere bannato dal blog; è stato bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Juhan tu puoi andare OT quando vuoi. Diciamo che hai la licenza di OT! :)

      Qual è il plurale di Alias. Ho letto da qualche parte che quando citi una parola straniera non è necessario il plurale della parola stessa. Vabbè, forse mi sono sognato di leggere questa cosa, non ne sono più sicuro. :)

      Per tutto il resto, provvederemo. Magari puoi scrivere tu qualcosa sul cugino link!

      Elimina
    2. OK, un po' di LOL ogni tanto. Poi hai ragione, come sempre.

      Elimina
  4. Rinnovo la mia richiesta per ilsupporto ad APM (sarei pure disposto a tradurre uno dei libri gratuiti su python...)

    RispondiElimina
  5. Perdona, Alberto, ma il progetto Lubit, per il target cui è diretto, e in ragione di rigorose linee di progetto, non prevede scostamenti dal kernel standard. Grazie, ma non è una questione di "prezzo" :)

    RispondiElimina
  6. Ciao innanzitutto complimenti per l'ottimo lavoro,avrei una domando ho eliminato chromium e installato firefox,ma come faccio ad inserire la sua icona nel menu lubit-linux,come accade per gli altri (Thunar,i terminali,leafpad ecc...) ? Grazie mille

    RispondiElimina
  7. Ciao Carlo! Allora, anzitutto apri il terminale e digita:

    leafpad ~/.config/openbox/menu.xml

    Spostati nel menu opzioni di leafpad e aggiungi "numeri di riga"

    Ora spostati alla riga 236 (più o meno):



    dove sostituire chromium-browser.png con firefox.png...

    Salva..e non ti resta che andare in sistema (menu di openbox) e scegliere "Reconfigure Openbox"

    Ciao :)

    RispondiElimina
  8. Grazie mille...siete fantastici

    RispondiElimina