domenica 2 ottobre 2011

La storia di debian letta attraverso i miei occhiali #1

L'idea di questo post, spero di questa serie di post, nasce dal desiderio di conoscere le radici, la storia del sistema operativo che uso nella mia quotidianità: Debian.

Capostipite di tanti altri OS divenuti ormai famosi, quali ubuntu e linux mint.
Giusto per citarne alcuni.

Siamo nel mondo del software libero. Mondo in cui migliaia e migliaia di persone dedicano parte del loro tempo per sviluppare software a codice aperto contribuendo, così, allo sviluppo di un sogno, un sogno di libertà.

Penso alle loro notti insonni, ai loro sacrifici, al fatto che spesso non vengono neanche retribuiti. Penso anche ai loro fallimenti, alla facilità con cui vengono criticati nel momento in cui il loro software è affetto da bug.

Mi è venuto così il desiderio di delineare, con tutti i miei limiti possibili e immaginabili, una storia, dove cercherò di soffermarmi, oltre che sul software, anche su chi quel software lo produce.

La storia di Debian, dicevo.

Anzitutto diciamo che debian è il frutto del Debian Project. Progetto cui collaborano migliaia di volontari da ogni parte del mondo.

Debian Project è stato fondato da Ian Murdock.

Chi è Ian Murdock? Ian Murdock è un ingegnere informatico. Naque a Costanza, in Germania, nel 1973. Madonna! E' un mio coetaneo. :)

Nel 1993, mentre era studente presso la Purdue University, in America, scrisse Il Manifesto Debian, dove delinea la sua visione per il nuovo sistema operativo: Una distro a codice aperto nello spirito di Linux e di Gnu.

Ma soffermiamoci un attimo sul nome Debian. Esso è stato coniato da Murdock ed è composto da Deb+ian. Le prime tre lettere sono state prese dal nome della sua fidanzata di allora, Debra, mentre Ian è il suo nome, ovvio. :D

La prima versione stabile è stata rilasciata il 17 giugno del 1996. Si chiamava Debian 1.1 "Buzz"

Ecco un punto che merita attenzione: Come mai una distribuzione che viene rilasciata stabile per la prima volta dovrebbe chiamarsi 1.1 "Buzz" e non 1.0 "Buzz"?

E' successo che, nel dicembre del 1995, un produttore di CD etichettò una versione non rilasciata come Debian 1.0. Si trattava di una versione rovinata e che non sarebbe riuscita nemmeno ad eseguire il boot o a funzionare correttamente. Non rispecchiava, quindi, la qualità di un sistema debian. E proprio per non creare confusione con quel falso rilascio, la prima versione stabile di Debian fu nominata 1.1. (qui)

Altro particolare che merita approfondimento è il nome in codice "Buzz"

E qui entra in gioco il film Toy Story. E non solo Toy Story. Facciamo un passo indietro (facendo finta che il mio sia un discorso sistematico :D )

Nel 1996 Bruce Perens sostituì Ian Murdock alla guida del Debian Project. Ma chi è Bruce Perens? Egli è un programmatore e sostenitore della comunità open source. Proprio in quegli anni lavorava alla Pixar, società che aveva prodotto il film "Toy Story". Ora si spiegano tante cose!!! :D

E da allora, cioè sin dalla prima versione stabile (che in realtà, per i motivi che dicevo sopra, non è stata proprio la primissima :D ), il nome in codice di Debian è sempre stato legato a quel film.

1.1 - Buzz, rilasciata il 17 giugno 1996   
1.2 - Rex, rilasciata il 12 dicembre 1996
1.3 - Bo, rilasciata il 2 giugno 1997
2.0 - Hamm, rilasciata il 24 luglio 1998
2.1 - Slink, rilasciata il 9 marzo 1999
2.2 - Potato, rilasciata il 15 agosto 2000
3.0 - Woody, rilasciata il 19 luglio 2002
3.1 - Sarge, rilasciata il 6 giugno 2005
4.0 - Etch, rilasciata l'8 aprile 2007
5.0 - Lenny, rilasciata il 14 febbraio 2009
6.0 - Squeeze, rilasciata il 6 febbraio 2011

Elenco preso da questa pagina (qui)

Ritorniamo a Bruce Perens. Bruce è stato (forse lo è ancora) un grande radioamatore. E' ben noto, nella comunità radioamatoriale, il suo impegno verso gli standard aperti della comunicazione radio.

Quando fu nominato a capo del Debian Project da Murdock, egli provò a creare una distribuzione linux che contenesse tutto il software utile per i radioamatori. Ancora oggi se andiamo in Synaptic e clicchiamo su sezione, tra l'elenco del software organizzato in sezioni appunto, troviamo la voce "radioamatori". Molto di quel software viene utilizzato anche da mio fratello, un altro radiamatore di quelli tosti! :D

Ma come mai Ian Murdock sentì la necessità di creare una distribuzione Linux partendo da zero?

A quel tempo la distro più popolare era Softlanding Linux System, creata nel 1992 da Peter MacDonald e meglio nota con la sigla SLS. Cito la SLS per raccontare un'altra curiosità.
Un certo Patrick Volkerding apportò delle modifiche a SLS al fine di correggerne alcuni bug. Finì poi per creare una distribuzione basata su SLS chiamata, udite udite, Slackware. Siamo nel 1993.

Si è fatto tardissimo! Devo chiudere. Alla prossima :)

13 commenti:

  1. Ottima idea & ottimo inizio! Hai davvero la stoffa dello scrittore thriller.
    Solo una cosa: scrivi (1 volta) "Jan" invece di "Ian", sarebbe OK in tedesco ma è OK? o come direbbe Wikipedia [Citation needed]
    Anche qui: http://xkcd.com/285/

    RispondiElimina
  2. @Juhan
    Ma LOOL Alla fine è solo la storia di debian senza spargimenti di sangue :D
    Ora mi metto alla ricerca di Jan :)

    RispondiElimina
  3. Incredibilmente affascinante! Sono arrivato in fondo e ci sono rimasto male: come, già finita??
    E poi Bit,non ci posso credere... Non sapevo che Bruce Perens fosse un grande radioamatore! Ecco spiegata la presenza di tutto quel software specialistico che ho trovato, e che mi ha colpito fin dalla prima volta che lo vidi. E sai perchè? Perchè anche io sono stato radioamatore, con una discreta attività nel settore e nella Protezione Civile! :)
    Questo è Bruce Perens, K6BP http://call-signs.findthebest.com/detail/39808/K6BP

    RispondiElimina
  4. Gran bella storia, complimenti per l'ottimo post :D Aspetto il seguito!

    RispondiElimina
  5. Interessantissimo ed ottimo post, spero ne seguiranno altri :D

    RispondiElimina
  6. Ottima storia e ottimo post :D

    RispondiElimina
  7. @Aniello
    La sto preparando :)

    RispondiElimina
  8. Io per ora sto tenendo Ubuntu 10.04.3 LTS, in attesa di vedere come sarà la 12.04 LTS del prossimo anno.
    Mi sto parando il culo perché se dovesse essere penosa come Maverick, Natty ed Oneiric passerò definitivamente a Debian.
    Canonical sta sbagliando tutto!
    Speriamo si riprenda presto, perché somiglia sempre più a Microsoft...

    RispondiElimina
  9. Io personalmente mi sono trovato molto bene fino ad Ubuntu 10.10. Con Natty siamo entrati in una nuova fase. Molte sono state le novità...e ancora in fase di assestamento. Lo stesso discorso si può fare per gnome shell. Personalmente Adoro Xfce: Semplice, efficiente, etc etc. quindi, per alcuni versi, il discorso non mi tange. :D

    RispondiElimina
  10. @ingegnereLinuxianoMaDisoccupato
    Mi va di chiarire l'ultima mia espressione: Quando dico che il "discorso non mi tange" ovviamente non mi riferisco alla tua situazione. Ci mancherebbe altro! Mi riferisco alla situazione di Ubuntu, nel senso che mi sto trovando benissimo con Xfce. :) Scusami se mi sono espresso male.

    RispondiElimina