sabato 13 ottobre 2012

Mission Python: L'installazione.

Eccoci al mini-corso su Python! Vabbè, vi avevo promesso il corso, ma sapete, per ora usiamo la parola mini...poi è possibile che l'appetito venga mangiando...e da mini diventi major 'sto corso.

Prima di iniziare con la lezione 0, voglio spendere due parole su Juhan. Non vi dico che è un ingegnere e non vi dico tante altre cose che riguardano le sue qualità umane e professionali. Non vi dico neanche che amministra due blog che trovate qui e qui. Non vi dico che la nostra amicizia è nata sul blog del Picchio. Se non ricordo male, si parlava di vino. Il post sotto accusa lo trovate qui (siamo nei commenti). Correva l'anno 2010...

Bei ricordi...

E ora abbiamo deciso di realizzare insieme questo corso, la mission python! Diciamolo subito, l'esperto della situazione è lui, eh!

Passiamo al primo post. Indovinate che lo ha scritto? :))

0 - Installazione
Eccoci all'inizio di un corso facile-facile su Python. Facile perché Python è semplice e immediato. E se non fosse così non penserete mica che l'usiamo, ci piace e vogliamo dirlo anche a voi, vero?

Inoltre siamo dell'idea che l'importante è partire, come diceva Einstein "Chi ben comincia è a metà dell'opera". Poi una volta capito il trucco dovete essere voi a continuare, documentarvi, esplorare, inventare e arrivare a dire a noi come fare.
E allora oggi parliamo di alcune operazioni preliminari, magari non tanto eccitanti ma necessarie.


Noi in genere usiamo Linux (non importa quale distro, non siamo razzisti) ma quello che raccontiamo vale anche per Windows e MacOS, ve l'abbiamo detto che non siamo razzisti vero?
Può darsi che sul vostro computer Python ci sia già, a vostra insaputa. Questo capita per esempio se usate qualche sorta di Linux, Ubuntu, per dirne una. Verificarlo è facile: fate come in figura



Ecco c'è già! Per uscire battiamo exit() o ctrl-D con Linux, ctrl-Z con Windows. Se invece trovate un messaggio tipo "comando sconosciuto" allora bisogna installarlo.

Ma niente panico! (come c'è scritto sulla copertina della Guida galattica) è facile, facilissimo.


Anche perché stavamo appunto per dirvi dove si trova il sito principale di Python: due piccioni con una fava.

Aprite il vostro browser preferito (quello che volete, non siamo razzisti) e puntate http://www.python.org/

OK, dobbiamo ancora dirvi una cosa: ci sono attualmente due versioni di Python, la versione 2.x e la 3.x. Sono ampiamente compatibili, è un po' come quando parlate con i vostri genitori: loro non usano certe parole e voi non usate le loro anche se vi capite benissimo, magari vi sclera un tantino ma è OK. In ogni caso quando incontreremo delle differenze vi avviseremo (all'inizio, poi lo capirete da soli). Siccome quasi dappertutto la versione che si trova installata (quando ce n'è una preinstallata) è la 2 noi faremo riferimento a quella.

Ancora una cosa: A volte dobbiamo rassegnarci a usare l'inglese, ma niente panico, e mica sempre!

Insomma alla fine della fiera dovremmo essere in grado di fare come in figura



Ecco 42! Secondo Douglas Adams, quello della Guida Galattica per Autostoppisti è la risposta fondamentale alla vita, l'universo e tutto quanto.

Vale a dire che siamo sulla buona strada. Come verificheremo la prossima volta, restate sintonizzati.

Alla prossima! :)

11 commenti:

  1. E allora... Buon Inizio...
    Se mi riesce proverò a seguirvi senza perdere quei pochi neuroni funzionanti che mi sono rimasti...!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto per seguire 'sto minicorso non servono neuroni... :)

      Elimina
  2. ciao, se ti va potresti prendere spunto, integrare e magari contribuire con uno che si è fermato tempo fa sul forum di Debianizzati.

    http://guide.debianizzati.org/index.php/Accademia:Python_3

    ciao

    RispondiElimina
  3. Grazie della segnalazione! :)

    RispondiElimina
  4. Ti seguirò volentieri, ho ripreso in mano python dopo quasi un anno di stop per fare un plugin per OCS Inventory NG per un cliente (ora sono in trattativa per rialsciarlo come open source) e magari nei commenti metterò qualche esempio quando parlerai dei moduli o dei cicli preso dalla mia esperienza personale.
    Buon Lavoro
    Alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! :) Saremo lieti del tuo contributo!

      Elimina
  5. Buona partenza :)! Che il pitone galattico sia con voi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi, dove cerchi di andare...vedi che devi collaborare anche tu!!! "Altrimenti ci arrabbiamo!" cit. :D

      Elimina
    2. Io ti avevo già citato tra gli autori, poi Bit3Lux mi ha censurato. E poi, come dice Einstein "non c'è due senza tre".

      Elimina
  6. un po' in ritardo ho scoperto il blog solo oggi...
    vi seguirò anch'io :)

    RispondiElimina